Loading...

In primo piano

Agevolazioni in ambito edilizio e risparmio energetico

Quanto e come è possibile ottenere bonus fiscali per riqualificazione energetica, bonus facciate, ristrutturazioni, superbonus 110%

Agevolazioni in ambito edilizio e risparmio energetico

Bonus facciate

Relativamente a spese sostenute nel 2020 e nel 2021 per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in determinate zone, interventi che comprendono anche la sola pulitura o tinteggiatura esterna, è possibile fruire di una detrazione d’imposta pari al 90% delle spese sostenute, che deve essere ripartita in 10 quote annuali costanti senza un limite massimo di spesa detraibile.
Sono ammessi al beneficio esclusivamente gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi.

Riqualificazione energetica

Qualora si sostengano interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici, è riconosciuta una detrazione ai fini IRPEF.
Condizione indispensabile per fruire dell’agevolazione è che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari e su edifici (o su parti di edifici) esistenti, di qualunque categoria catastale, anche se rurali, compresi quelli strumentali per l’attività d’impresa o professionale.
Gli interventi devono essere finalizzati a:
• Ridurre il fabbisogno energetico per il riscaldamento
• Migliorare il rendimento termico dell'edificio (coibentazioni - pavimenti - finestre, comprensive di infissi)
• l'installazione di pannelli solari
• la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.
Le detrazioni vengono ripartite in 10 rate annuali di pari importo e variano a seconda che l’intervento riguardi la singola unità immobiliare o gli edifici condominiali e dell’anno in cui è stato effettuato.
L'agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2021.
Per la maggior parte degli interventi la detrazione è pari al 65%, per altri spetta nella misura del 50%.

Interventi condominiali

Per gli interventi effettuati sulle parti comuni degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui si compone il singolo condominio, sono previste regole, tempi e detrazioni diverse.
Per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021, quando si riescono a conseguire determinati indici di prestazione energetica, si possono usufruire detrazioni più elevate (del 70 o del 75%) che però vanno calcolate su un ammontare complessivo non superiore a 40.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.
Per gli interventi sulle parti comuni degli edifici condominiali che si trovano nelle zone sismiche 1, 2 e 3, che siano finalizzati sia alla riduzione del rischio sismico che alla riqualificazione energetica, è prevista una detrazione ancora più alta che può variare dall’ 80% all’ 85%.
Anche per questi interventi la detrazione è ripartita in 10 quote annuali di pari importo per un ammontare massimo di spesa pari a € 136.000 moltiplicato per il numero delle unità immobiliari di ciascun edificio.

Ristrutturazioni edilizie

L’agevolazione fiscale consiste in una detrazione IRPEF pari al 36% delle spese sostenute per interventi di ristrutturazione edilizia, fino a un ammontare complessivo di spesa non superiore a € 48.000 per unità immobiliare.
Fino al 31/12/2021 la detrazione è elevata al 50% mentre il limite massimo di spesa è pari a € 96.000.
La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.
La medesima detrazione è riservata anche a chi acquista fabbricati a uso abitativo ristrutturati.

Superbonus 110%

Il Superbonus è un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 30 giugno 2022, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici. Il Superbonus si applica agli interventi effettuati da:
• condomìni
• persone fisiche
• Istituti autonomi case popolari (Iacp)
• Cooperative di abitazione a proprietà indivisa
• Onlus, associazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale
• Associazioni e società sportive dilettantistiche, limitatamente ai lavori destinati ai soli immobili o parti di immobili adibiti a spogliatoi.

Interventi principali o trainanti

Il Superbonus spetta in caso di spese per interventi definiti trainanti, quali:
• interventi di isolamento termico sugli involucri
• sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale sulle parti comuni
• sostituzione di impianti di climatizzazione invernale sugli edifici unifamiliari o sulle unità immobiliari di edifici plurifamiliari funzionalmente indipendenti
• interventi antisismici: la detrazione già prevista dal Sismabonus è elevata al 110% per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.
Rientrano nel Superbonus anche le spese relative a interventi definiti trainati se eseguiti insieme ad almeno uno degli interventi sopra citati. Nello specifico si tratta di:
• interventi di efficientamento energetico
• installazione di impianti solari fotovoltaici • infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici
• interventi di eliminazione delle barriere architettoniche (16-bis, lettera e) del TUIR).
La detrazione è riconosciuta nella misura del 110%, da ripartire tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo mentre per le spese sostenute nel 2022 in 4 quote annuali di pari importo.

Cessione del credito e Sconto in fattura

Tra le novità introdotte dal Decreto Rilancio, i soggetti che sostengono spese per:
• interventi di recupero o restauro della facciata degli edifici;
• alcuni interventi di ristrutturazioni edilizie;
• interventi di riqualificazione energetica degli edifici che danno diritto all’ecobonus;
• interventi di sismabonus e sismabonus acquisti;
• interventi relativi all’installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Possono optare, in luogo dell'utilizzo diretto della detrazione spettante, per un contributo anticipato sotto forma di sconto praticato dai fornitori dei beni o servizi o, in alternativa, per la cessione del credito corrispondente alla detrazione spettante.
In questo caso si dovrà inviare una comunicazione all’Agenzia delle Entrate esclusivamente con modalità telematica per l’esercizio dell’opzione.
Nel caso di interventi SUPERBONUS 110% per esercitare l’opzione, oltre agli adempimenti ordinariamente previsti per ottenere le detrazioni, il contribuente deve acquisire anche
• il visto di conformità dei dati relativi alla documentazione, rilasciato dagli intermediari abilitati alla trasmissione telematica della dichiarazione
• l’asseverazione tecnica relativa agli interventi di efficienza energetica e di riduzione del rischio sismico, che certifichi il rispetto dei requisiti tecnici necessari ai fini delle agevolazioni fiscali e la congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati.

Per ulteriori informazioni sulle agevolazioni per la casa puoi contattare il tuo consulente fiscale CNA BOLOGNA presso i nostri uffici territoriali, oppure i consulenti fiscali CNA PER TE.
Ecco l’elenco degli uffici territoriali Cna>>>